Home > comunicati stampa > DIBATTITO INFONDATO E POLEMICHE PRETESTUOSE. LE PRIORITA’ SONO RIFORMARE GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI E SCONFIGGERE IL PRECARIATO

DIBATTITO INFONDATO E POLEMICHE PRETESTUOSE. LE PRIORITA’ SONO RIFORMARE GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI E SCONFIGGERE IL PRECARIATO

dicembre 21st, 2011

Le motivazioni addotte da chi vuole modificare l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori mi paiono non solo infondate, ma, visto il difficile momento, perfino stucchevoli e pretestuose. Esiste già un ordinamento giuridico che prevede il licenziamento del lavoratore per giusta causa o giustificato motivo, pertanto la proposta e la relativa polemica innescata in questi giorni sono decisamente pleonastiche.
Ben altre, decisamente più urgenti e preziose sarebbero le riforme che il Governo dovrebbe proporre e far approvare!
Da una riforma sana e intelligente degli ammortizzatori sociali, che preveda una copertura per coloro che oggi sono esclusi, a un pacchetto di tutele e provvedimenti che trasformino questa maledetta precarietà in una forma di flessibilità basata su un reale incremento quantitativo e qualitativo delle opportunità.
Occorre disinnescare quell’ordigno ad orologeria rappresentato da un contratto in scadenza, che troppi giovani, ma non solo loro, hanno in tasca. Bisogna tentare di sostituirlo con un sogno che abbatta gli incubi del precariato o peggio ancora della disoccupazione.
Non è necessario fossilizzarsi su modifiche che non porteranno a nulla, se non ad un acuirsi del conflitto sociale.
Sostenere questo significa esporsi ad essere frettolosamente etichettato come ‘laburista cigiellino’ o ‘conservatore’. Non mi preoccupano queste etichette, mi preoccupa, invece, assai di più il fatto che il riformismo finisca per venire identificato con la disponibilità a modificare l’art. 18.
Credo che sia i riformisti sia il Governo Monti dovrebbero scegliere meglio le priorità sulle quali concentrare il dibattito e l’azione politica.

comunicati stampa

  1. carlo
    | #1

    La boutade sull’art 18 a mio avviso è strumentale per fare cambiare discorso rispetto alla macelleria sulle pensioni. Ieri sera il Ministro a Porta a Pota ha serenamente dichiarato che lei aveva proposta un prelievo del 25% sulle pensioni oltre 200.000 Euro, ma poi non si sa chi (dichiarazioni di Fornero) l’ha portata al 15%!!!!Questo la dice lunga. Il mio caso comune a molti altri (si parla di 5000 solo alle poste) è quello di un lavoratore “ESODATO” che non avrà ne stipendio ne pensione per i prossimi 5 anni. Come camperemo???Questo non è un discorso di cambio di prospettive di vita o di incavatura per dover lavorate di più. Per noiè un discorso di SOPRAVVIVENZA.
    Caro Antonio ci può tenere informati sul blog su questo aspetto specifico? , perché come sembra non entrerà nel 1000 proroghe. E ancora , se non si facesse nulla a livello parlamentare , quali sono le iniziative di contrasto e di lotta (ricorso al TAR, al Presidente della Repubblica manifestazioni (visto che noi e sodati non possiamo scioperare!) che il Partito od i Sindacato intendono promuovere?
    Grazie
    Carlo

  1. No trackbacks yet.