Home > rassegna stampa > Le lacrime in aula: “Fatta giustizia ma i nostri figli non torneranno più”

Le lacrime in aula: “Fatta giustizia ma i nostri figli non torneranno più”

aprile 19th, 2011

LaStampa
È stata fatta giustizia, ma non riavremo i nostri cari: parenti delle vittime del rogo della Thyssenkrupp usano tutti le stesse parole. Si stringono in abbracci, qualcuno piange, qualcuno applaude, qualcun altro resta immobile, quasi impassibile ad ascoltare il lunghissimo dispositivo: è la fine di un calvario durato decine di mesi. Nessuno gioisce, non trapela, se non pallida, neanche la soddisfazione di una sentenza che hanno atteso udienza dopo udienza.
«È andata bene - dice Grazia, la mamma di Rosario Rodinò - e ringrazio il dottor Guariniello per il lavoro fatto, è stato bravissimo. Speravo in questa sentenza, ma non me la aspettavo. Adesso cercherò di andare avanti: mio figlio non lo riavrò più, ma gli avevo promesso giustizia e ho fatto di tutto perchè fosse così».
«Forse - aggiunge - è stata scritta una pagina di storia, ma non riesco a pensare ad altro che a mio figlio. Questa condanna per loro - ha detto riferendosi agli imputati - è ancora poco, dato che loro sono ancora vivi e mio figlio è in un buco. Adesso ho ancora la speranza nella giustizia di Dio». «È stata una condanna esemplare - ha aggiunto Isa Pisano, madre di Roberto Scola - che abbiamo atteso per tanto tempo. Purtroppo, il nostro dolore non finirà mai. Al dottor Guariniello dico grazie mille volte».
Tra i pochi a rimanere impassibili alla lettura della sentenza, indossando una maglietta nera che chiede «condanne esemplari» nei confronti degli imputati è stato Antonino Santino, padre di Bruno. «Se le pene fossero state più severe - ha detto - sarebbe stato ancora meglio. È stata fatta una buona parte di giustizia, ma non ancora tutta. Per me sarebbe stata più appropriata una condanna all’ergastolo. Il dottor Guariniello è stato bravissimo, gli abbiamo stretto più volte la mano, lo faremo ancora, per dirgli il nostro grazie».
Le lacrime più lunghe, quelle più amare, però, sono di Antonio Boccuzzi, unico sopravvissuto al rogo, ora deputato Pd. Si stringe il viso fra le mani, singhiozza, poi trova la forza di parlare. «Chi ha sbagliato ha pagato», dice dedicando la sentenza «a tutti i morti di quella notte, a chi ha perso la vita sul posto di lavoro, alla mamma scomparsa da poco». Tutti ringraziano il pm Raffaele Guariniello che sulla sentenza è lapidario. «Deve fare sperare i lavoratori - dice - e far pensare gli imprenditori».

rassegna stampa

  1. | #1

    Hi my friend! I wish to say that this article is awesome, great
    written and include approximately all significant infos.
    I’d like to peer extra posts like this .

  1. No trackbacks yet.