Archive

Archive for gennaio, 2009

Sciopero dei lavoratori di Eutelia

gennaio 23rd, 2009

Sciopero nazionale, dei lavoratori di Eutelia. Cgil, Cisl e Uil hanno convocato una manifestazione ad Arezzo, sede della compagnia di telecomunicazioni.

”Le lavoratrici e i lavoratori di Eutelia - spiegano i sindacati in una nota - scioperano contro i licenziamenti dichiarati dall’azienda in tutta Italia e per un piano industriale che rilanci l’azienda in un settore articolato come quello delle telecomunicazioni, essenziale per lo sviluppo del paese e rilevante per il fondamentale diritto alla comunicazione”.

In particolare pero’ preoccupa la richiesta di licenziamenti. ”Andare avanti dichiarando il 75% di esuberi su 2300 lavoratori - secondo i sindacati - e’ evidentemente una manovra che punta alla chiusura dell’intera azienda”.

lavoro

processo Thyssen

gennaio 16th, 2009

Leggo spesso e volentieri Futura.to.it, giornale universitario online, oggi ho trovato qualcosa che mi riguarda, se vi interessa, trovate QUI l’articolo

thyssen

Thyssen. Damiano, Boccuzzi, Giulietti: il processo sia chiave di volta

gennaio 16th, 2009

Roma, 16 gen. - “Oggi e’ cominciato il dibattito in corte d’assise sul processo Thyssen. Un processo che ci auguriamo possa essere la chiave di volta per innovare la giurisprudenza legata a processi in cui gli imputati rispondono di trasgressioni legate alle prescrizioni in tema di sicurezza sul lavoro”. Lo affermano i deputati Cesare Damiano, Antonio Boccuzzi (Pd) e Giuseppe Giulietti (Idv).”Quello che ci auguriamo- sottolineano i parlamentari- e’ che questo processo possa essere utile per creare una particolare attenzione intorno al triste ed incivile fenomeno delle morti sui luoghi di lavoro e che si crei una nuova condizione nella nostra giurisprudenza, dove l’imprenditore che sbaglia deve pagare”.Concludono Damiano, Boccuzzi e Giulietti: “Questo clima di impunita’ non serve ne’ da esempio ne’ da deterrente, soprattutto per quegli imprenditori meno virtuosi che non hanno al centro della propria missione lavorativa la sicurezza e l’incolumita’ dei propri dipendenti, vera ricchezza delle diverse attivita’ lavorative”.

Senza categoria , ,

Quattro operai tra i giudici della Thyssen

gennaio 6th, 2009

 

SARAH MARTINENGHI - LORENZA PLEUTERI  Repubblica

 

Onorevole Antonio Boccuzzi, tra i giudici popolari del processo Thyssen ci saranno anche degli operai: come lei, come le sette persone che sono morte nel rogo. Che ne pensa?

«Sicuramente sono in grado di capire, perché ne hanno esperienza, perché la conoscenza è diretta, in che condizioni si può essere costretti a lavorare in una fabbrica».

Farà la differenza?

«No, non credo affatto che un professore o un commerciante possano essere da meno. Penso che tutti i giudici popolari, indipendentemente dalla estrazione sociale e dalla professione, siano all´altezza del compito che si richiede loro, in un processo che sarà durissimo e atipico. Chiunque ormai ha acquisito una sensibilità particolare per i temi che riguardano la sicurezza sul lavoro. L´attenzione è per così dire “trasversale”, prescinde dall´età, dall´occupazione, dalla formazione».

La strage alla Thyssen, purtroppo, è stata uno spartiacque. O no?

«Sicuramente sì. Quello che è successo ha scosso e toccato profondamente l´opinione pubblica. Thyssen è diventata un simbolo. Il 6 dicembre 2007 si è superata una frontiera. La questione della sicurezza sul lavoro è diventata materia di discussione e di riflessione. La gente comune, oltre a manifestare solidarietà e molta, ha dimostrato interesse e voglia di approfondire, di sapere».

Anche gli imprenditori?

«Non sono tutti uguali. In questi primi mesi di mandato parlamentare ne ho incontrati molti. Ne ho conosciuti alcuni, ad esempio nel contesto delle cooperative, per i quali sicurezza e benessere dei lavoratori sono priorità assolute. Che alla messa commemorativa del 6 dicembre non ci fosse una rappresentanza di Confindustria, però, a me è spiaciuto e mi ha lasciato perplesso».

Read more…

boccuzzi, thyssen